torri-cantine-1967-primitivo-01
torri-cantine-1967-primitivo-02
torri-cantine-1967-primitivo-03

1967
Primitivo IGT Puglia

Terre di Chieti

Proviene da una zona particolarmente vocata per la vinificazione, da antichi vitigni posti a una quota ideale per garantire una magnifica escursione termica e che godono di una magnifica esposizione.

La vinificazione avviene in tini d’acciaio termocondizionati, al termine della quale segue una fermentazione malolattica e una successiva maturazione di almeno 4 mesi nelle vasche di cemento per poi essere imbottigliato in totale assenza di ossigeno.

acquista

Wine Tasting

Elegante, gradevole e fruttato allo stesso tempo. Intenso e fine, con tannini morbidi e sentore avvolgente e persistente.

Intensità
Complessità
Equilibrio
Struttura

1967
Primitivo

Vendemmia
Proviene da una zona particolarmente vocata per la vinificazione, da antichi vitigni posti a una quota ideale per garantire un’ottima escursione termica e che godono di una magnifica esposizione.
Il Primitivo è il frutto di una vendemmia della prima decade di ottobre, rigorosamente manuale e di un’agricoltura particolarmente attenta all’ambiente e alla sua biodiversità.

Vinificazione
La vinificazione avviene in tini d’acciaio termocondizionati, al termine della quale segue una fermentazione malolattica e una successiva maturazione di almeno 4 mesi nelle vasche di cemento per poi essere imbottigliato in totale assenza di ossigeno.

Come abbinare
il nostro vino biologico
Torri 1967

Da servire sui 14°-16°, possibilmente con un bel calice ampio e stappandolo sempre qualche minuto prima di servirlo, così da permettergli di manifestarsi bene ed esprimersi al meglio.

Perfetto accompagnatore di piatti ben strutturati e saporiti, formaggi profumati, ma anche con aperitivi, antipasti, piatti vegetariani, grigliate di carne o al forno e formaggi di media e lunga stagionatura.
Immaginiamo dei rustici ripieni di verdure, risotto agli asparagi, agnello alla pugliese con patate, tacchino ripieno al forno o una crêpe di ricotta e funghi.

Il terroir

Il vitigno ha trovato ampia diffusione in Abruzzo e lungo la costa adriatica. La varietà è abbastanza omogenea, i caratteri differenziali riguardano la forma del grappolo, la presenza di acinellatura verde, l’epoca di maturazione e le caratteristiche organolettiche del prodotto.

Germoglio ad apice espanso, cotonoso, tomentoso sulla pagina inferiore. Foglia media, pentagonale, quinquelobata, lembo piano di colore verde molto scuro, tomentosa sulla pagina inferiore. Seno peziolare a lira chiusa o tendente a chiudersi.

scopri di più